Alonissos

Pin It


  • Alonissos è la seconda isola più grande del gruppo delle Sporadi. Dista un’ora di traghetto da Skopelo e due ore da Skiathos.
    È una vera isola greca conosciuta sopratutto per la sua incredibile naturale bellezza e le sue spiagge meravigliose. Le acque dell’isola sono considerate le più pulite di tutto il Mar Egeo e sono state dichiarate parco marino per la presenza di foche monache, le Monachus Monachus.
    L’isola di Alonissos è il luogo ideale per vacanze all’insegna della tranquillità e del relax. I turisti possono arrivare sull’isola da Agios Costantinos o Volos e godere di spiagge pulite, villaggi tradizionali e verdi paesaggi.
    L’isola veniva chiamata nell’antichità “Ikos” e si dice venne inizialmente abitata da Stafilo, figlio di Dionisio e Arianna. Ciò spiegherebbe lo stretto legame dell’isola con la viticultura, legame che dura tutt’oggi. In tutto il mondo antico vennero esportate urne con la scritta “Ikion” e confermano la grande fama dell’isola nell’essere eccellente nella produzione di vino.
    Il suo secondo nome è “Achilliodromia”. Secondo la mitologia Peleo, padre di Achille, venne sepolto ad Alonissos. Sono sopravvissute versioni differenti di questo nome: “Hiliodromia”, “Liadromia”, “Diadromia”.
    Dai reperti archeologici si evince che l’isola è abitata sin dalla Preistoria. Si suppone anche che in un lontano passato l’isola fosse unita alle isolette di Kyra-Panaghia e all’isola di Psathoura. Le tre isole (Alonissos, Kyra-Panaghia, Psathoura) formavano insieme un’unica isola.
    L’isola venne occupata dai Romani seguiti più tardi dai Bizantini. Nel 1207 la famiglia veneziana Ghisi dominò le Sporadi e dunque anche Alonissos. Nel 1538 Alonissos, come le altre isole delle Sporadi, venne catturata dai Turchi. La dominazione turca durò fino al 1830 quando Alonissos divenne parte del nuovo e libero Stato Ellenico insieme al resto delle Sporadi.
    La maggior parte degli edifici dell’isola, per il violento terremoto che distrusse quasi interamente tutta l’isola, sono di nuova costruzione e non hanno uno stile architettonico specifico.
    È possibile tuttavia trovare ancora alcune case sopravvissute al drastico evento: hanno finestre lunghe e strette, piccoli balconi di legno ai piani superiori, muri bianchi, tetti d’ardesia multicolore.
    Prodotti culinari tipici dell’isola sono la torta al formaggio, fichi alla griglia con miele, il kakaviá (zuppa di pesce), l’ hamaliá (dolci a forma triangolare ripieni e cosparsi di zucchero a velo), l’amigdalotá, a base di mandorle.
    Alonissos ha un solo autobus, e solamente durante il periodo estivo, che collega regolarmente Patitiri alla Vecchia Alonissos. Un servizio addizionale parte dalla Vecchia Alonissos per Steni Vali e passa per Patitiri. Le moto sono il miglior modo per visitare l’isola e le sue splendide spiagge, anche se le strade sono piuttosto pericolose e scivolose. A Patitiri, la capitale dell’isola, è disponibile anche il servizio taxi.
    Il servizio di taxi-boat parte regolarmente da Patitiri e serve alcune delle migliori spiagge sulla costa occidentale come la piccola isola disabitata vicino Alonissos.

  • L’isola non ha un proprio aeroporto. L’aeroporto più vicino è quello di Skiathos. Da qui è possibile raggiungere Alonissos col traghetto o con l’idrofilo.
    Alonissos è collegata al porto del Pireo, di Rafina, di Agios Kostandinos, di Volos.
    Dall’isola è possibile anche prendere il traghetto e spostarsi verso le isole che si trovano nell’Egeo Settentrionale ed Orientale, verso le Cicladi, Syros, Santorini, Andros, Chios, Lemnos ecc.

  • Sull’isola ci sono splendidi luoghi da visitare.
    Steni Vala
    Si trova sulla costa nord-orientale, a circa 9 km da Patitiri ed è un piccolo villaggio abitato da poche famiglie. Nel passato il villaggio soleva essere un nascondiglio per pirati.

    Votsi
    Il piccolo villaggio di pescatori sta lentamente diventando tutt’uno con Patitiri. È un luogo molto tranquillo e ha un porto piccolo e tradizionale che affascina chiunque visiti il villaggio, situato in prossimità di una delle spiagge più belle dell’isola.

    Chora o Vecchia Alonissos
    È un affascinante villaggio medievale con case dipinte di bianco e strade strette e con ciottoli.
    La Vecchia Alonissos fu la capitale dell’isola fino al terribile terremoto del 1965 che distrusse l’intera area. Tutti gli abitanti abbandonarono il villaggio e si stabilirono nella città di Patitiri, costruita in alto su una collina.
    La Vecchia Alonissos, che resta tuttavia un luogo molto suggestivo, può essere raggiunto da autobus locali o servendosi di una mulattiera che parte da Patitiri, zigzagando tra alberi vari e godendo del paesaggio meraviglioso.

    Parco Marino
    Si trova nella parte meridionale di Alonissos. Quest’area è ricca di vita marina ed è popolata dalla Foca Monaca Mediterranea, specie in pericolo d’estinzione. Il parco è anche un rifugio per rari uccelli marini e per i delfini.

    Piccole Isole
    Ci sono diverse isolette tutt’intorno ad Alonissos con coste selvagge e graziose cappelle.
    L’isoletta più vicina ad Alonissos è Peristera, con due porti naturali: Peristeri e Vasiliko.
    Un’altra isoletta è Piperi, situata sul lato nord-occidentale di Alonissos, rifugio per gli uccelli marini e le foche monache. È proibito avvicinarsi all’isola senza una licenza scientifica ed un permesso.
    Un’altra isoletta, Papous, si trova tra Kyra Panaghia e Yioura ed ha una graziosa chiesa.
    Kyra Panagia o anche Pelagonisi è l’isoletta più grande.
    Sull’isoletta di Psathoura vi è il faro più brillante e più alto dell’Egeo e alcuni resti di un’antica città sommersa e creduta, da alcuni, essere l’Antica Alonissos.
    Sull’isoletta di Yioura c’è una grotta di stalattiti conosciuta come la Grotta dei Ciclopi e si pensa sia la grotta dove Odisseo venne imprigionato da Polifemo (il Ciclone più famoso), figlio di Poseidone. Per visitare la grotta è indispensabile la presenza di una guida. Sull’isoletta di Yioura si trovano anche una rara specie di capre selvagge e alcuni pastori stagionali e molte piante rare.
    L’isoletta di Skantzoura ha spiagge bellissime e alcuni pastori stagionali.
    Queste isolette possono essere raggiunte tramite barca dal porto di Patitiri.

    Grotta Blu
    La Grotta Blu si trova sul lato nord-orientale di Alonissos, tra le lontane spiagge di Strovili e Lalarias, a pochi chilometri a nord del villaggio di Agios Dimitrios.
    Può essere raggiunta in barca da Patitiri attraverso un’escursione che fa il giro della costa settentrionale di Patitiri e raggiunge le isolette vicine.

    Chiesa di Cristo
    È una piccola chiesa e si trova nella vecchia capitale ed è una delle poche costruzioni sopravvissute al terremoto. Venne costruita nel XII secolo.

    Chiesa di San Athanasios
    Costruzione sopravvissuta al disastroso terremoto del 1965, si trova nella Vecchia Alonissos.

    La Capitale dell’Isola di Alonissos
    Patitiri
    Oltre ad esserne la capitale è anche il principale porto di Alonissos. La maggior parte degli isolani vivono qui, nella capitale. Patitiri sta lentamente diventando un’unica città con la vicina Votsi.
    Patitiri è una città di recente costruzione, nata quando il forte terremoto del 1965 distrusse l’antica capitale, l’Antica Alonissos. Per questa ragione le case di Patitiri sono tutte molto nuove e danno un’immagine diversa rispetto alle altre isole greche che in genere hanno un porto piuttosto piccolo e molto caratteristico, piene di case dal tradizionale stile cicladico e veneziano. Tuttavia Patitiri non è affatto una brutta città. È interamente circondata da una fitta foresta di pini. Sul lungomare la piccola spiaggia di sabbia ha graziose taverne e piccole caffetterie lungo il porto.

    Da vedere
    Essendo una città davvero di recente costruzione, non ci sono monumenti storici ed edifici antichi. Ciononostante Patitiri offre al turista molte attrazioni: ristoranti, taverne, caffetterie, negozi, splendide spiagge incontaminate, nei dintorni, tutte da esplorare.

    Musei
    Museo del Folklore
    È un museo privato situato a Patitiri. Espone costumi tradizionali e oggetti di folklore come cimeli di guerra, oggetti per la produzione di vino e opere d’arte locali. Il Museo mostra com’era la vita prima del terremoto del 1965. Molto interessanti sono le fotografie di persone ed edifici dei primi anni del XX secolo, ed alcune mappe antiche.
    Il museo è aperto giornalmente da settembre a maggio dalle 11:00 alle 19:00 e da giugno ad agosto dalle 10:00 alle 21:00.
    Prezzo biglietto: € 4

  • Spiagge
    La maggior parte delle spiagge si mostrano nel loro aspetto naturale e solamente alcune di loro sono organizzate con servizi e strutture.

    Spiaggia Chrisi Milia
    Si trova a 4 km a nord est di Patitiri. È una spiaggia di sabbia ed è conosciuta per essere la spiaggia più bella dell’isola. La sua sabbia è dorata e particolarmente fine, scintillante sotto i raggi del sole. Il nome della spiaggia significa infatti “dorata”. Le sue acque sono limpide e di un bellissimo color turchese. Tutt’intorno si trovano alberi di pino con le loro ombre rinfrescanti.
    La spiaggia di Chrisi Milia è una delle pochissime spiagge dell’isola organizzate con ombrelloni e lettini per il sole e alcuni sport d’acqua. Una graziosa taverna è posta su una piccola collina vicino la spiaggia.

    Spiaggia Roussoum Gialos
    Si trova a 2 km da Patitiri ed è un luogo dal grande sviluppo turistico, considerato, per la sua rara bellezza, un importante polo d’attrazione per moltissimi turisti.
    La spiaggia ha acque pulite e piccoli sassolini bianchi lungo la costa.
    Ci sono anche taverne in cui è possibile degustare piatti locali.
    Sebbene sia la spiaggia più popolare dell’isola, dovuto anche per la sua vicinanza alla capitale, conserva il suo carattere autentico e tradizionale, caratteristica presente in tutte le spiagge di Alonissos.

    Spiaggia Glyfa
    Si trova nei pressi di Steni Vala. Il luogo non ha ancora mai conosciuto il turismo di massa ed è il luogo ideale per tutti coloro che desiderano tranquillità e privacy.
    Da qui è possibile usufruire dei taxi-boat, servizio offerto solamente nel periodo estivo, o noleggiare una barca per fare indimenticabili escursioni sulle isolette vicine.
    La spiaggia è facilmente raggiungibile col taxi ed anche con l’autobus che regolarmente parte da Patitiri e impiega appena 20 minuti per raggiungere questa splendida spiaggia.
    Nel paese vicino la spiaggia si trovano molti alloggi, taverne, negozi, mini market, ed un campeggio.

    Divertimento
    A Patitiri, la capitale, si possono trovare graziose taverne, caffetterie e bar. Eccezionali taverne si trovano lungo la strada che dal porto di Patitiri prosegue verso nord.
    Durante l’estate vengono organizzati numerosi festival culturali, musicali, e sportivi, come il festival di “Kalogiannia” all’inizio di Maggio.
    I vari festival in genere si concludono con una rievocazione di un matrimonio secondo la tradizione dell’isola, rievocazione che piace molto ai turisti essendo gli sposi vestiti con i costumi tradizionali. In queste occasioni vengono serviti gratuitamente piatti locali accompagnati da musiche e danze tradizionali.




One thought on “Alonissos

  1. Bella, molto verde, tipica e ancora selvaggia se a confronto di altre più famose e gettonate.
    Peccato per la popolazione locale: muratori d’inverno e gestori turistici d’estate che hanno un’idea di turismo pari a 0!sarebbe comunque il meno se non fosse che a questo si deve aggiungere che trattano la loro isola come una fogna e una risorsa (pensano loro) inesauribile!
    Altra nota dolente, non esiste praticamente l’uso di carta di credito o bancomat anche per acquistare servizi come traghetti o hotel!
    Inoltre se siete allergici a vespe state molto attenti le spiagge ne sono invase!
    Potrebbe essere un paradiso ma come al solito l’uomo rovina più di quello che crea…